Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Le Testimonianze


CON LA SVIZZERA NEL SANGUE

Mio padre andò in Svizzera che aveva nemmeno diciott’anni. Era muratore, andò a lavorare al tunnel del Sempione, era l’inizio del secolo. Poi ha lavorato in una fabbrica di alluminio a Chalet, nel Vallese, e lì ha conosciuto mia mamma. Lei si chiamava Antoniette De Vanterie, era svizzera. Si sono sposati nel 1909, lei aveva sedici anni ed era rimasta incinta. Quando fu richiamato alle armi e dovette tornare in Italia, aveva già quattro figli… figlie, perché alla fine siamo state nove, tutte femmine. Mia mamma arrivò qui al paese con quattro figli e lui partì dopo sei giorni...

 

 Per leggere l'intera intervista scarica il file allegato.




File Allegati:




« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto