Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


LA MOSTRA


Sezione precedente SEZIONE PRECEDENTE SEZIONE SUCCESSIVA Sezione successiva
VERSO NUOVI MONDI
Pannello
 

Tagliatori di canne originari dell'Isola d'Elba.

Pietro Baracchi, fiorentino, laureato in astronomia, giunge a Melbourne nel 1876, assieme ai concittadini Fiaschi e Catani e al pisano Checchi. Inizia una brillante carriera presso l'osservatorio astronomico di Melbourne; è, fra l'altro, protagonista della determinazione del Meridiano di Darwin, fatto che gli assicura fama internazionale. Diviene una delle massime autorità in campo astronomico di tutto l'emisfero sud.

Carlo Catani, ingegnere fiorentino, lega la sua presenza in Australia alla costruzione di strade e ponti, alla bonifica di grandi territori, nonché alla ristrutturazione di una delle zone più belle di Melbourne: il lungomare di Saint Kilda, dove ora sorge, in suo onore, un monumento al centro dei Catani Gardens. A lui sono dedicate anche un lago ed una città.

Tommaso Fiaschi, medico fiorentino, dopo il primo soggiorno, torna in Australia, a Sidney, nel 1897. Nel 1896 è in Abissinia come medico militare e, nel 1900, in Sud Africa nella guerra contro i Boeri. Nel 1916, opera come medico militare in Trentino, nella Prima Guerra Mondiale. Torna definitivamente in Australia nel 1921.


Ettore Checchi, pisano, ingegnere. In Australia è impegnato in vasti lavori di irrigazione, specie nella parte Nord del Victoria, lungo le sponde del fiume Murray, il maggior corso d'acqua australiano. Sarà tra coloro che ne esploreranno le sorgenti.

Cartolina postale spedita da Fremantle il 9 febbraio 1902 e sulla quale si legge: …ieri non fecero sbarcare trenta italiani che venivano da Genova, non vogliono più immigrazioni. Poveretti, gli tocca tornare in Italia.



 
Sezione precedente SEZIONE PRECEDENTE TORNA ALLE SEZIONI SEZIONE SUCCESSIVA Sezione successiva

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto